• I bambini al Centro: dona per la nuova struttura di Como

    Aiutaci ad arredare il Nuovo Centro di Riabilitazione di Como

    Scopri di più

  • Sportello lavoro: un’opportunità per le aziende

    Sportello lavoro: un’opportunità per le aziende

    Scopri di più

  • Per i contratti di lavoro La Nostra Famiglia sceglie la linea della responsabilità

    Per i contratti di lavoro La Nostra Famiglia sceglie la linea della responsabilità

    Scopri di più

  • Torna la Spesa che fa Bene di Iperal a fianco de La Nostra Famiglia

    Torna la Spesa che fa Bene di Iperal a fianco de la Nostra Famiglia

    Scopri di più

Come puoi aiutarci?

5x1000
5x1000
Donazioni
Donazioni
Lasciti
Lasciti
Diventa volontario
Diventa volontario

Emozioni, riflessioni e storie di vita: la testimonianza di una psicologa del Centro di Como sull'esperienza delle attività a distanza proposte ai piccoli pazienti durante il lockdown

Sono passate ormai diverse settimane dall’inizio di questa attività in smart working… molte le famiglie, i bambini e i ragazzi contattati... molti i pensieri raccolti, loro e soprattutto i miei… e vorrei condividerli con tutti voi, poiché…

“L’universo ha senso solo quando abbiamo qualcuno con cui condividere le nostre emozioni” (Paulo Coelho)

Le famiglie stanno facendo molta fatica a gestire questa emergenza sanitaria, chi più chi meno, fatica ad abituarsi alle nuove routine, ad incastrare bisogni personali e famigliari, a gestire l’attività lavorativa e i bambini a casa, a seguire le scuole e la nuova didattica… in tutto questo cambiamento spesso sono proprio gli adulti a fare più fatica, i nostri super papà, e le nostre mamme, combattenti e guerriere.

É da questi genitori che arriva, quando li contatto, un grande ringraziamento. Ci ringraziano per esserci anche nella distanza, spesso per dare loro suggerimenti operativi, per condividere il materiale messo a disposizione da tutto il team di operatori che, da dietro le quinte, lavora quotidianamente. E ancora più spesso il ringraziamento arriva per aver trovato del “tempo” da dedicare a loro, tempo per chiarire dubbi e rispondere a domande connesse a questa emergenza o semplicemente per ascoltarli e accogliere le loro fatiche, paure e insofferenze. C’è chi dice “grazie, è il solo momento in cui parlo con qualcuno che non sia mio figlio... Grazie perché con lei mi posso sfogare... Lei non immagina da quanta fatica mi sta alleggerendo… Grazie per esserci sempre e come sempre”.

Queste sono le parole che ripagano di ore e ore trascorse davanti ad un pc, ormai senza confini e senza vincoli di orario. Da queste famiglie raccolgo ogni giorno calorosi saluti per gli operatori e le sincere richieste di conferme circa il loro stato di salute. C’è chi si preoccupa se avremo modo di fare un po’ di ferie quando tutto sarà finito, chi si preoccupa che importanti progetti futuri per gli operatori non saltino (ad esempio matrimoni e viaggi di nozze!) e chi si ripromette che, se sarà possibile incontrarsi e aggregarsi, ci porterà ad un concerto per cantare e gridare a squarciagola sorseggiando insieme una birra… come si fa in famiglia!

Dopo aver condiviso del prezioso materiale preparato da colleghi “non in smart” una mamma ha commentato con “wow…che lavoro… sono senza parole… davvero grazie” mentre un’altra nostra mamma, oserei direi molto nota a tanti, anche ai piani alti, mi ha detto commossa “i nostri bambini sono fortunati ad aver incontrato tutti voi”.

Fortunata e Grata, è come mi sento io in questo momento (sì beh, anche moooolto stanca!)

Non posso non menzionare le scuole, che si stanno riadattando ad una nuova gestione della didattica, con tutti i limiti e le difficoltà che questo comporta, ma ammetto con una rinnovata volontà e determinazione che da troppo non riscontravo. Gli insegnanti di sostegno vengono nuovamente riconosciuti nel loro importante ruolo, e non si sottraggono, anzi! Collaborano, propongo, prendono importanti iniziative e cercano attivamente il confronto con noi per sfruttare al meglio queste nuove occasioni di apprendimento, non solo didattiche, ma funzionali anche nel quotidiano. E con mio estremo piacere, la partecipazione agli incontri è nettamente cresciuta, al punto che la maggior parte dei docenti di classe richiede di essere presente alle videocall, mostrando grande conoscenza e consapevolezza del funzionamento dei nostri bambini. Forse troppo spesso i “ritmi e le scadenze” della scuola non consentono di dare così tanto ascolto, come avviene invece ora, ai reali bisogni degli studenti, con e senza disabilità, a favore della programmazione didattica, o forse come da loro stesse segnalato, la richiesta di una presenza fisica in sede non facilita la partecipazione di tutto il team, interessato, ma impossibilitato ad esserci. Ed ora invece le scuole ci sono! Gli insegnanti tutti ci sono! Pronti realmente a fare rete.

E poi ci sono loro, i nostri bambini e i nostri ragazzi. L’insofferenza inizia a farsi sentire, il disagio delle restrizioni inizia a pesare e qualcuno inizia a sentirsi stretto tra le quattro mura di casa, in un piccolo appartamento, spesso soli senza altri bambini nelle vicinanze. I più fortunati hanno giardini, grandi o piccoli, attrezzati di giochi, altri hanno fratelli con cui giocare, o cugini nella stessa palazzina, qualcuno ha nonni in salute nello stesso stabile con cui condividere preziosi momenti. Ma per gli altri ci sono solo mamma e papà che, guidati da noi, con pazienza arricchiscono le loro giornate aiutandoli a regolarsi, ad adattarsi a queste nuove routine, ad avvicinarsi ad attività nuove e adeguate al loro livello di funzionamento, ad esercitarsi per non perdere le autonomie e le competenze raggiunte.

Qualcuno mi chiede quando ci rivedremo... mi dice che sente la mia mancanza… che mi ha preparato una sorpresa, poi non resiste e mi svela che è un disegno da appendere nella mia “camera” a La Nostra Famiglia… E non puoi non sorridere e desiderare di poterli riabbracciare il prima possibile, anche i bimbi che ti hanno fatto penare l’impossibile!

E poi ci sono i nostri “grandi”, super tecnologici, in grado di gestire una call molto meglio di me. Preadolescenti e adolescenti che riescono a seguire un percorso a distanza, forse anche meglio di un contatto diretto vis a vis che li espone un po’ troppo… perché in fondo è così, dietro ad uno schermo ci si può sentire più protetti e ci si può esporre un po’, gradualmente e lentamente, settimana dopo settimana. E lo stiamo facendo, siamo “smart”.

Sono certa che queste “poche” righe non posso spiegare tutto quello che le famiglie mi stanno trasmettendo in queste settimane, ma spero che in minima parte sia riuscita io a trasmettere a tutti voi quanto queste famiglie stiano sentendo vicino ciascuno di noi, quanto stiano apprezzando lo sforzo che stiamo facendo per cercare di fornire un piccolo aiuto, nella consapevolezza che non sarà risolutivo, ma che anche nella fatica ci siamo… come una vera Famiglia sa fare!

Un dolore condiviso è un dolore dimezzato. Una gioia condivisa è una gioia raddoppiata.” (Proverbio Svedese)

Jennifer Salamon, psicologa del Centro di Como

  • La Nostra Missione

    La Nostra Missione

    La missione dell’Associazione La Nostra Famiglia è tutelare la dignità e migliorare la qualità della vita – attraverso specifici interventi di riabilitazione – delle persone con disabilità, specie quelle colpite in età evolutiva (bambini e giovani).

  • I Nostri Numeri

    I Nostri Numeri

    70 anni di impegno, ogni giorno, 28 sedi in Italia in 6 regioni, 2.485 operatori e 373 volontari, 35.080 bambini e ragazzi assistiti

  • La Nostra Storia

    La Nostra Storia

    Era il 28 maggio 1946 quando i primi due bambini fecero il loro ingresso nella casa di Vedano Olona. Nel 1954 il Ministero della Sanità stipulò la prima convenzione con un Centro extraospedaliero di riabilitazione in Italia: era il Centro de La Nostra Famiglia di Ponte Lambro.

Cerca la sede più vicina a te in Italia e nel mondo

Scopri le opportunità di collaborazione con l'Associazione

Lavora con noi

Scopri le opportunità di lavoro e collaborazione con l'Associazione. Guarda le posizioni aperte, inviaci il curriculum.

 

L'Angolo dei bambini dell'Associazione

L'Angolo dei bambini

Disegni, poesie, lavori, testi e foto di momenti di animazione dei bambini in cura presso le sedi de la Nostra Famiglia, o dei loro familiari.

Scopri le opportunità di collaborazione con l'Associazione

Corsi e Convegni

Tieniti aggiornato!
In questa sezione troverai corsi, convegni e incontri in programma nelle nostre sedi di tutta Italia.