top banner

scrivi il nostro codice fiscale 00307430132 firma per La Nostra Famiglia

Vuoi dare un po' del tuo tempo?

Il volontariato che proponiamo si fonda principalmente sulla relazione interpersonale fra i bambini, ragazzi, giovani con disabilità, genitori e il volontario: non occorre essere esperti o avere una professionalità particolare, ciò che conta è essere disposti a mettersi in gioco in un'esperienza di ascolto, condivisione e vicinanza.

Del volontariato nei Centri de la Nostra Famiglia si occupa in particolare l'Associazione di Volontariato don Luigi Monza.

Cosa fa un volontario?

Un volontario fa quello che risulta più adatto alle sue motivazioni, aspettative, capacità ed età. I volontari possono affiancarsi ad esempio ai bambini e ragazzi che accedono ai Centri per effettuare un percorso di riabilitazione, a quelli che sono ricoverati presso i reparti ospedalieri dell’Istituto Scientifico, ai genitori che li accompagnano e che hanno bisogno di un sollievo e infine anche agli operatori, quando hanno semplicemente bisogno di "una mano in più".  Il loro è sempre un apporto concreto di solidarietà che li fa sentire utili e che apre orizzonti e prospettive nuovi.

Scarica il depliant informativo

I volontari sono impegnati in:

  • animazione nell’attività educativa e ricreativa e collaborazione con il personale educativo e di assistenza nella vita quotidiana;
  • collaborazione nell’attività di catechesi con i bambini e ragazzi;
  • collaborazione nelle attività logistiche, di manutenzione, di allestimento degli spazi per iniziative particolari dei Centri;
  • promozione di incontri di amicizia e scambio tra gli ospiti dei Centri de La Nostra Famiglia e le realtà sociali, culturali e parrocchiali del territorio;
  • organizzazione e partecipazione a eventi che promuovano la cultura dell'inclusione;
  • sostegno ed interventi concreti a favore delle famiglie.

Da noi non si fa il volontario ma si è volontari perché accade che, a poco a poco, il fare diventa uno stile di vita, una modalità di esprimere se stessi.

Il mettersi a disposizione affiancando gli operatori, in un clima sereno e gioioso, dove il sorriso è di casa e dove i volontari sono accolti con affetto e simpatia, dona a ciascun volontario l'esperienza di ricevere piuttosto che di donare: si diventa più ricchi di umanità.

Quando?
  • Durante l’anno, mettendo a disposizione il proprio tempo libero;
  • In particolare per gli studenti, da giugno a settembre, periodo nel quale sono previsti percorsi di esperienza guidata di gruppo, per un periodo di 15 giorni consecutivi, anche con possibilità di residenza.
Vuoi sperimentare questo clima?

Se hai più di 17 anni mettiti in contatto con una delle persone indicate sotto, e scoprirai la differenza tra fare il volontario ed essere volontario!

SCOPRI IL VOLONTARIATO ESTIVO 2019!

Volantino Estate 2019 - Residenziale

Volontariato Estivo 2019 - Pasian di Prato

Volontariato Estivo 2019 - Puglia

Volontariato Estivo 2019 - San Vito al Tagliamento

Volontariato Estivo 2019 - Lombardia

Per saperne di più:

Associazione La Nostra Famiglia
Via Don Luigi Monza, 1 - 22037 Ponte Lambro (CO)
Referente Nazionale: Chiara Casati tel 031/625111 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Referenti Regionali:
Lombardia - Chiara Casati: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Triveneto - Francesca Villanova:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sud - Pierina Zanini: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il tuo 5 x 1000 per la ricerca sanitaria

Con un semplice gesto: una firma, puoi fare del bene a tanti bambini e alle loro famiglie.

E’ davvero così.

Ogni giorno nei 28 Centri di riabilitazione de La Nostra Famiglia e nei 4 Poli Ospedalieri e di Ricercaci ci facciamo in 4 affinché i bambini con disabilità o con altre difficoltà possano stare meglio e se stanno meglio loro anche le loro famiglie possono essere più serene, pur dentro difficoltà grandi e piccole.

Per raggiungere questo obiettivo è però indispensabile destinare risorse, umane ed economiche, anche alla ricerca. Senza ricerca non riusciremmo a garantire il meglio affinché migliori la qualità di vita dei bambini e dei ragazzi che sono affidati alle nostre cure.

Per continuare a fare ricerca ad alto livello abbiamo bisogno di un Tuo semplice gesto : una firma e l’indicazione del codice fiscale 00307430132 in occasione della prossima dichiarazione dei redditi destinando il Tuo 5x 1000 alle attività di ricerca sanitaria dell’Associazione La Nostra Famiglia - Istituto Scientifico Eugenio Medea.

Come abbiamo usato il Vostro 5x1000 per la riabilitazione

Ecco il rendiconto predisposto secondo la modulistica ministeriale, e le voci di spesa da essa prevista. E' ripartito per Regione, in proporzione alle scelte ricevute dai cittadini che in quel territorio ci hanno scelto con la dichiarazione dei redditi del 2015 .

Per ogni regione vi diamo conto di alcuni dei progetti che abbiamo potuto realizzare o avviare grazie alla vostra firma.

  • Lombardia: 7364 scelte pari a 229.011, 24 €  interamente utilizzati per la Fase 2 del progetto NOAH (New Organization for Autism Healthcare): un nuovo percorso rivolto a bambini autistici
  • Veneto:  3704 scelte per un valore di 100.833, 43 € tra i progetti realizzati, particolare è quello della cucina per la terapia occupazionale del Centro di riabilitazione  Vicenza
  • Friuli Venezia Giulia: con 1581 scelte, 97.808,15 €  provenienti anche dalla ripartizione delle cosidette non scelte (cittadini che non identificano un ente in particolare) abbiamo potuto avviare i lavori per la ristrutturazione del Centro di Riabilitazione di San Vito al Tagliamento
  • Puglia: con 15.636,48 € derivanti da 739 scelte abbiamo acquistato un’automobile
  • Liguria: 142 scelte pari a 4.206,16 € abbiamo acquistato materiale riabilitativo per i tanti piccoli che si rivolgono al Centro di riabilitazione di Varazze
  • Campania: 1007 scelte hanno generato 24.031, 47 € utilizzati per acquistare nuove attrezzature di riabilitazione per il Centro di Cava de’ Tirreni che verranno poi trasferite nel nuovo stabile in via di costruzione.

Guarda il rendiconto

Sostieni anche tu le nostre attività di ricerca.


                   citogenetica       

E’ molto semplice: basta una firma e l’indicazione del codice fiscale 00307430132 all’interno dei moduli 730, UNICO (categoria RICERCA SANITARIA) come nell’esempio 

Aiutaci a tornare a crescere insieme. Grazie per la tua fiducia.

graph

Andamento storico delle scelte.

Per La Nostra Famiglia ogni bambino è importante.


Come lo è accompagnare la sua famiglia soprattutto quando si trova a convivere con una situazione difficile e impegnativa.
Ci prendiamo cura di loro, bambini e famiglie, investendo sulla ricerca sanitaria
Con un semplice gesto: una firma, puoi prenderti cura anche tu di tanti bambini e delle loro famiglie.

Guarda qualcuno dei progetti che realizzeremo grazie alla tua firma per il 5x1000

Manuela Sironi

Manuela Sironi

Analisi evolutiva e caratterizzazione molecolare delle proteine di SARS-CoV-2

Leggi di più...

Rosario Montirosso

Rosario Montirosso

il Centro 03 - Studio sul Lockdown

Leggi di più...

Alessandra Bardoni

Alessandra Bardoni

La teleriabilitazione in età evolutiva

Leggi di più...

Francesco Craig

Francesco Craig

Disregolazione emotiva e memoria autobiografica nel maltrattamento infantile

Leggi di più...

 

 

 

L'Associazione la Nostra Famiglia, ente ecclesiastico civilmente riconosciuto, esercita unicamente attività senza scopo di lucro e, dal 1.1.1998 a sensi della Legge 460/97, le attività sanitarie, sociosanitarie, di istruzione e di formazione professionale sono riconosciute quali ONLUS.

Ogni anno, nei Centri di Riabilitazione de La Nostra Famiglia vengono erogate 870.000 prestazioni in favore di oltre 20.000 pazienti, soprattutto disabili. Ma si potrebbe fare molto di più, soprattutto per le persone con disabilità appartenenti alle fasce più deboli e le loro famiglie, che quindi hanno maggiori difficoltà economiche ad accedere ai servizi di riabilitazione, di cura e di accoglienza offerti da la Nostra Famiglia.

 

Entra nella Famiglia, sostieni l’Associazione!

Privati ed aziende possono offrire il proprio contributo scegliendo lo strumento di donazione più adatto, anche in termini di agevolazioni fiscali:

  • Un bonifico bancario su conto corrente intestato ad Associazione “la Nostra Famiglia” presso Banca Popolare di Sondrio, filiale di Lecco, iban IT 86 B 0569 62290 0000003936X96 BIC POSOIT22
  • Un versamento sul c.c.p. 1045553037 intestato ad Associazione “la Nostra Famiglia” – Ponte Lambro (CO)
  • Un assegno non trasferibile intestato ad Associazione “la Nostra Famiglia”

Per informazioni: Tel. 031/625111


Agevolazioni fiscali

PER LE PERSONE FISICHE
a) Detraibilità al 30% per le donazioni in denaro o in natura con un tetto massimo di 30.000,00 euro per ciascun periodo di imposta. (Art 83, comma 1 D. Lgs. 117/2017)

b) Il contribuente può scegliere in alternativa di dedurre le donazioni fino al 10% del reddito complessivo netto. Se la deduzione supera il reddito complessivo netto (ovvero al netto di tutte le deduzioni) l’eccedenza può essere riportata nei quattro esercizi successivi, fino a concorrenza del suo ammontare. (Art 83, comma 2 D. Lgs. 117/2017)

PER LE IMPRESE
Deducibilità delle erogazioni liberali in denaro o in natura nei limiti del 10% del reddito complessivo dichiarato. Qualora la deduzione sia di importo superiore  al reddito complessivo netto, l’eccedenza potrà essere computata dal donante in aumento dell’importo deducibile dal reddito complessivo dei periodi di imposta successivi, ma non oltre il quarto e fino a concorrenza del suo ammontare. (Art 83, comma 2 D. Lgs. 117/2017)

DONAZIONE PER LA RICERCA

Sono integralmente deducibili dal reddito sia per le persone fisiche che per le aziende le donazioni effettuate a favore delle attività di ricerca dell’IRCCS “E. Medea” - Associazione “la Nostra Famiglia”.
Nella causale di versamento si dovrà specificare la destinazione della liberalità all’attività di ricerca scientifica.

Lascia la tua impronta. Continua la vita nell’opera de La nostra Famiglia.

Testamento, perché?

Sono ancora poche le persone che in Italia fanno testamento. Forse perché si pensa che fa testamento solo chi dispone di grandi patrimoni. Invece il testamento è lo strumento che permette a ciascun di noi, in vita, di scegliere a chi affidare tutti i nostri beni.

Facendo testamento infatti:

  • si esprime in modo chiaro la propria volontà
  • si possono evitare eventuali conflitti in famiglia
  • si garantiscono i diritti dei propri famigliari
  • si può dare un aiuto concreto a persone che hanno bisogno ed a opere che lavorano per una buona causa come l’Associazione “La Nostra Famiglia”
Chi può fare testamento?

Può fare testamento chiunque abbia compiuto la maggiore età e sia capace di intendere e di volere.

Quando fare testamento?

Si può fare in qualsiasi momento della propria vita. L’ideale è farlo quando si è sereni, non ci sono situazioni personali difficili e quindi si può pensare con tranquillità al futuro dei propri famigliari, degli amici e delle opere che si vuole sostenere.

È importante ricordare che le proprie volontà possono essere modificate e aggiornate in qualsiasi momento.

Come fare testamento?

Vi sono due modalità per fare testamento:

  • Il testamento pubblico: quello per il quale bisogna avvalersi della competenza di un notaio . Il testamento è redatto materialmente dal notaio alla presenza di colui che fa testamento, il testatore, che detta al notaio il contenuto, con la necessaria presenza di due testimoni. Il testamento verrà poi conservato anche dal notaio in condizioni di assoluta sicurezza.
  • Il testamento olografo: uno scritto di propria mano (non può essere scritto a macchina o al computer, né da altra persona sotto dettatura) con calligrafia chiara e comprensibile. Il testamento deve essere firmato con nome e cognome per esteso e datato e deve riportare i propri dati anagrafici, luogo e data di nascita, la residenza, il destinatario e l’oggetto del lascito testamentario

Per saperne di più:

Informazioni sui progetti dell'Associazione "La Nostra Famiglia" che si possono sostenere con un lascito testamentario si possono richiedere a Rita Giglio - Ufficio di Presidenza:
031 625111
   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Domande e risposte più frequenti in materia.

  • Perché fare testamento visto che il mio coniuge automaticamente erediterà?
    Facendo testamento non solo si garantisce la quota del coniuge ma anche quella dei figli e degli altri eventuali parenti che vi possono concorrere, inoltre vi è la possibilità, nel rispetto della legge, di beneficare anche soggetti terzi.
  • Fino a quale grado di parentela i miei familiari possono ereditare i miei beni?
    In assenza di testamento può avere diritto a parte dei beni di famiglia, anche un parente fino al 6° grado.
  • E nel caso io non abbia parenti?
    Se non si hanno parenti entro il 6° grado e non si fa testamento, l’intero patrimonio, per legge, è attribuito allo Stato.
  • Quanto posso lasciare in eredità a un ente benefico?
    Dipende dall’esistenza e dal numero dei legittimari (coniuge, figli o genitori). La quota massima di eredità che si può lasciare ad una associazione (la cosiddetta porzione disponibile) può variare da ¼ a 2/3 del patrimonio. Nel caso non vi siano eredi legittimari il lascito può essere dell’intero patrimonio.
  • E le tasse da pagare?
    Il D.Lgs. n. 460 del 4/12/1997 prevede che l’intero ammontare dell’eredità, grande o piccolo che sia, se devoluto a una Onlus non è soggetto ad alcuna tassa di successione. È questo il caso dell’Associazione "La Nostra Famiglia" per le attività svolte a favore di soggetti disabili e svantaggiati
  • Cosa posso lasciare?
    È possibile fare un lascito con beni mobili, immobili, denaro, polizze assicurative.
  • Fare un lascito a La Nostra Famiglia può danneggiare i diritti degli eredi?
    No, poiché ad essi la legge riserva – indipendentemente dalla volontà di colui che fa testamento – una quota dell’eredità.